Gigi&Ale

18 Ago

Gigi&Ale

Descrizione

Foglio A4, orizzontale bianco, con stampa a colori.

I nomi dei due nubendi si sviluppano in verticale, su uno sfondo di piccoli loghi “oggi sposi”.

In mezzo, la data, solitamente fatidica.

Rinvenuto protetto da “favorit”, e ciononostante inzuppato d’acqua. Una caratteristica comune di tutti i reperti protetti da “favorit” è infatti quella di bagnarsi lo stesso, ma non asciugarsi.

Utilità/Visibilità

Discreta.

L’impostazione grafica è sicuramente originale, i colori potevano essere un po’ più accesi, non molto felice la scelta dei colori della data, ma ultimamente negli studiosi si sta facendo largo un atroce dubbio: qual era esattamente lo scopo ultimo di tali cartelli? Essere visibili o essere leggibili? Era davvero necessario capire cosa c’era scritto, o era più importante riconoscere il “pattern” del cartello del traffico? E allora perché non c’è una freccia? Se se poi la funzione di tali cartelli non fosse neanche stata quella di indicare una direzione, ma pubblicizzare l’evento e basta? Ma allora perché impiastrare le rotatorie e gli svincoli con tali manufatti? Ma poi, in fin dei conti, dovevano proprio servire a qualcosa, sti cartelli? E se fossero stati semplicemente un’espressione spontanea, genuina e sincera della creatività grafica e sensibilità artistica del volgo di quei tempi?

Ad ogni modo, il cartello in oggetto è molto visibile, poco leggibile, e non ha la freccia. E ha il nome dello sposo prima della sposa.

Luogo del ritrovamento

A terra, ormai dimenticato, nei pressi della solita rotatoria,in una zona industriale dismessa priva di ristoranti e/o chiese nelle vicinanze e, per dirla tutta, in un contesto economico di recessione economica e globalizzazione selvaggia, nonché in un clima generale di sfiducia nelle istituzioni e mancanza di prospettive per il futuro.

Segni particolari

L’adozione di un logo specifico “oggi sposi”, proposto sia in versione “grande”, tra il nome degli sposi, sia in versione “piccola”, a punteggiare lo sfondo, è sicuramente un’idea efficace dal punto di vista grafico, ma completamente inutile dal punto di vista dell’automobilista che sfrecciava nella rotonda ai duecento all’ora. Vediamo con un esempio cosa succedeva.

Scena, famigliola diretta automobilisticamente ai duecento all’ora in strada urbana verso la chiesa.

“Ma ha visto quella donna? Vai piano! A momenti la mettevi sotto!”

“Papàa, papà, gli hai fatto prendere tanto spavento!”

“Siamo in ritardo.”

“Ma ha visto quel gatto! Poverino, di sicuro l’hai preso sotto, hai sentito la botta?”

“Mamma, mamma, papà ha fatto male a quel gatto?”

“Siamo in ritardo.”

“Vai piano che c’è una rotonda, ma, aspetta, mi sembrava di aver visto il cartello di Gigi&Ale!”

“Sì, papà era quello!, era quello!, l’ho visto anch’io!”

“Siamo in ritardo.”

“Dove stiamo andando? Guarda che ormai a quest’ora dovevamo essere già arrivati! Fermiamoci a chiedere…”

“Papà, papà, quando arriviamo? Ciò fame!”

“Siamo in ritardo.”

“Caro, puoi pure smettere di correre, ormai è notte, avranno pure finito il pranzo, a quest’ora. Se ci fermavamo a chiedere a qualcuno, invece che andare avanti…”

“Papà, papà, io faccio ninna.”

“Siamo in ritardo.”

“Ecco, finita la benzina. Adesso sei contento?”

“Papà, perché ciai la bava alla bocca?”

“Siamo in ritardo.” Il marito scende, si avvia a passi veloci nella notte, distante da quelle due rompiballe di madre e figlia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: